NO self-service dei più ricchi

Il self-service dei più ricchi deve finire!

Gli argomenti

  • Disparità di trattamento tra piccoli risparmie grandi patrimoni? No!
  • Indebolire i servizi pubblici con ulteriori tagli delle imposte ai più ricchi? No!
  • Incentivare la frode fiscale e la speculazione? No!

Artboard 38Firmate subito

È così semplice: Il referendum può essere firmata direttamente online. Per farlo, compilate il modulo, poi stampate il PDF, compilate a mano il vostro nome e la vostra firma. Fatto.

Argomenti

Tutte/i sono tenuti a pagare l’imposta preventiva. Ora però il Parlamento ha deciso di abolirla, ma soltanto per i titolari di obbligazioni, mentre le lavoratrici e i lavoratori, che hanno un semplice conto di risparmio, continueranno a pagarla.

Ci risiamo: le persone più benestanti, con i loro rappresentanti in Parlamento, si concedono privilegi a spese di tutti. A beneficiarne sono esclusivamente coloro che percepiscono redditi elevati e chi detiene grossi patrimoni, cioè coloro che negli scorsi anni hanno già approfittato di forti sgravi. Questo self-service praticato dai più ricchi deve finire. Firmiamo ora il referendum!

Agevolazioni per i grossi patrimoni a scapito dei piccoli risparmiatori? No!

Dall’imposta preventiva sarebbero d’ora in poi liberati soltanto gli utili generati dalle obbligazioni, mentre i conti di risparmio continuerebbero ad essere tassati come finora!

Sovvenzionare la frode fiscale? No!

L’imposta preventiva è un deterrente contro la frode fiscale. Ai contribuenti onesti viene restituita. Abolirla significherebbe incentivare in maniera diretta la frode fiscale!

Nuovi tagli ai servizi pubblici? No!

Alla Confederazione e ai Cantoni verrebbero a mancare ogni anno introiti fiscali per diverse centinaia di milioni di franchi. Se i tassi d’interesse dovessero tornare a crescere, i costi raggiungerebbero fino a mezzo miliardo di franchi. Provocando nuovi tagli.

Defiscalizzare le transazioni finanziarie e le speculazioni? No!

Il progetto parlamentare prevede altresì la soppressione dell’aliquota dell’1.5 per mille sul commercio di obbligazioni. L’abolizione di questa imposta, tutto sommato moderata, va esclusivamente a beneficio del settore finanziario.

Contatto

Questo sito web è gestito dall’ Unione sindacale svizzera come membro del comitato non partitico per il referendum.

Contatti generali

Monbijoustrasse 61, 3007 Berna

031 377 01 01

info@uss.ch

Per i media

I rappresentanti di USS sono a disposizione per rispondere alle domande e fornire ulteriori informazioni ai giornalisti.

Informazioni su uss.ch